Monthly Archives: September 2012

Ritiro spirituale

Pace e bene

Il 16 Settembre 2012 la fraternità O.F.S. del Convento di Sant’Antonio in Nocera Inferiore ha trascorso un giorno di ritiro spirituale nella badia di San Michele Arcangelo, immersa nel verde splendente dei roveri, dei faggi e dei cerri del monte Vulture, dalla quale si ammira il suggestivo panorama dei laghi di Monticchio, bocche di un antico vulcano.

Il tema dell’incontro è : Educarci alla fede per riconciliarci con Dio e le sue creature.

Le sacre stimmate di s. Francesco

 

Il 17 settembre la famiglia Francescana ricorda l’ evento prodigioso, accaduto nel 1224, al santo poverello, mentre si trovava in meditazione sul monte della Verna, rapito in estasi vide un serafino con 6 ali che con raggi di luce perforò le mani, i piedi ed il costato del santo. Nelle fonti francescane suddette ferite vengono chiamate “chiodi” proprio per stare a significare la sofferenza infertagli per amore del Signore Altissimo, che fa questo dono a Francesco, proprio per la sua somiglianza a Gesù. Il santo d’ Assisi, accetta la sofferenza con gaudio e letizia, nonostante, sottolineano le fonti, le ferite siano reali e reale era il dolore che Francesco provava, quella sofferenza era anzi un vanto, ma anche un dono da custodire gelosamente, e nonostante il significato cosi profondo che il portare le piaghe del Cristo nel proprio corpo ha, non fa montare la testa al poverello,  che resta umile tra gli umili, povero tra i poveri.

PROGRAMMA FESTIVITÀ DI SAN FRANCESCO D’ASSISI

CONVENTO DI SANT’ANTONIO

NOCERA INFERIORE

  • 1 Ottobre 2012

ore 19 Celebrazione Eucaristica con Triduo di San Francesco

ore 20 Cineforum: film “San Francesco” (regia Cavani)

  • 2 Ottobre 2012

ore 19 Celebrazione Eucaristica con Triduo di San Francesco

ore 20 Concerto del Maestro Francesco Amato

San Giuseppe da Copertino Sacerdote

Copertino (Lecce), 17 giugno 1603 – Osimo (Ancona), 18 settembre 1663

Giuseppe Maria Desa nacque il 17 giugno 1603 a Copertino (Lecce) in una stalla del paese. Il padre fabbricava carri. Rifiutato da alcuni Ordini per «la sua poca letteratura» (aveva dovuto abbandonare la scuola per povertà e malattia), venne accettato dai Cappuccini e dimesso per «inettitudine» dopo un anno. Accolto come Terziario e inserviente nel conventino della Grotella, riuscì ad essere ordinato sacerdote. Aveva manifestazioni mistiche che continuarono per tutta la vita e che, unite alle preghiere e alla penitenza, diffusero la sua fama di santità. Giuseppe levitava da terra per le continue estasi. Così, per decisione del Sant’Uffizio venne trasferito di convento in convento fino a quello di San Francesco in Osimo. Giuseppe da Copertino ebbe il dono della scienza infusa, per cui gli chiedevano pareri perfino i teologi e seppe accettare la sofferenza con estrema semplicità. Morì il 18 settembre 1663 a 60 anni; fu beatificato il 24 febbraio 1753 da papa Benedetto XIV e proclamato santo il 16 luglio 1767 da papa Clemente XIII. (Avvenire)

“TU SEI PREZIOSO AI MIEI OCCHI”, Campo Locale Gifra 17-18-19 agosto 2012

L’entusiasmo di chi inizia un grande viaggio, il coraggio di chi parte, un grido di stupore e meraviglia che risuona tra vecchi e nuovi partecipanti: questo lo spirito di trenta Giovani Francescani della fraternità di Nocera Inferiore che dal 17 al 19 agosto si sono recati in Basilicata per condividere anche quest’anno l’esperienza del Campo Locale. Un’avventura che ha suscitato emozioni forti e autentiche nella splendida cornice dei Laghi di Monticchio, un luogo magnifico che isola dalla quotidianità e facilita la riflessione con sé stessi ma soprattutto con Colui che ha creato tutto. Attraverso i momenti di preghiera e quelli di festa, le lunghe passeggiate e le profonde riflessioni, i gifrini hanno affrontato il tema dell’autostima: da qui la citazione “Tu sei prezioso ai Miei occhi” tratta dal libro di Isaia.