È tempo del nostro si

La Gi.Fra. è la Fraternità dei giovani che si sentono chiamati dallo Spirito Santo a fare l’esperienza della vita Cristiana alla luce del messaggio di S. Francesco d’Assisi, all’interno della Famiglia Francescana

ricerchino la persona vivente ed operante di Cristo nei fratelli, nella Sacra Scrittura, nella Chiesa e nelle Azioni Liturgiche.La fede di S. Francesco che dettò queste parole: ” niente altro vedo corporalmente in questo mondo dello stesso Altissimo Figlio di DIO se non il Suo Santissimo Corpo ed il Santissimo Sangue”, sia per essi l’ ispirazione e l’orientamento per la vita Eucaristica.

Parole queste estrapolate dal Nostro Volto ,  il vademecum  della forma di vita francescana.  Eh già il Nostro Volto…perché è quello che abbiamo promesso la mattina del 17 novembre 2013 davanti a Dio:” impegnarsi assiduamente a passare dal Vangelo alla vita e dalla vita al Vangelo” al punto tale da offrire  le nostre fragilità umane e le nostre ricchezze e farle un tutt’uno col Volto Divino tale da mostrare  ai fratelli, al creato e a Dio stesso, solo ed esclusivamente il suo Volto e nient’altro.

Una promessa più bella e diversa dagli altri anni perché più matura, consapevole, fatta da giovani che si affacciano alle vere responsabilità e problemi della vita, giovani che amano, che soffrono, che cambiano, che temono …ma che sono Li alcuni svuotati e abbattuti da prove di vita , altri smarriti e alla ricerca di una propria identità…ma proprio perché liberi e svincolati dal tutto più vicini e raccolti nelle braccia di Dio.

Gli occhi non mentivano quella mattina… erano gli occhi del Cristo sofferente, del Cristo amorevole, del Cristo deluso, del Cristo ferito, del Cristo gioioso…occhi, cuore e anima pronti a rinnovare il proprio si…resuscitare con Dio e in Dio, persone che non si stancano mai di riscoprire la bellezza di essere figli di Dio….perchè è insieme che si crea la fraternità, è insieme che si vive tutto questo, perché  insieme che siamo chiamati a camminare lungo questa strada per arrivare all’unica vera meta della nostra vita: Gesù cristo, maestro e compagno del nostro viaggio.

E quando parliamo di fraternità, parliamo di fratellanza: la nostra fraternità di Nocera Inferiore è bella perché a nostro parere poggia le sue basi proprio su questo sentimento.
La nostra fratellanza è una fratellanza universale che unisce tutti gli esseri umani nella paternità di Dio, senza distinzioni di religione, casta, ecc.
Questo perché la Fratellanza è un’inclinazione naturale del cuore umano e quindi di tutti gli esseri umani. Ed è presente nel nostro cuore fin dalla nascita, però è un sentimento che deve essere coltivato, curato affinché possa produrre i suoi frutti. Perché in questo sta lo scopo della nostra vita cristiana nonché francescana.

Il tutto è cominciato con un ritiro iniziato il sabato sera accompagnato da preghiere e momenti di condivisione  su questa tappa bel nostro cammino spirituale e fraterno…

Ecco alcuni pensieri espressi liberamente nei momenti più toccanti di queste giornate:

Di solito non riesco ad esprimermi a fondo con le parole, ma in modo semplice voglio dirvi che oggi mi sono sentita appartenente ad una GRANDE  famiglia a cui ho donato il mio cuore. Siete così belli con i pregi e i difetti con le differenze di carattere ma il vostro essere quello che siete mi fa sentire orgogliosa di essere un membro, anche se non a tutti gli effetti, di una fraternità ricca di amore.

Crescere nella fede con voi tutti è un’esperienza tanto bella che non riesco a descrivere. Ogni giorno, ogni anno in più mi accorgo di quanto fortunati siamo e quanto possiamo fare per portare agli altri il nostro messaggio.

Auguri a tutti voi…questa per me è stata una delle più belle promesse, mi avete emozionato tantissimo e anche se non ero presente sull’altare è come se da una parte avessi detto il mio si a questa fraternità che è davvero cresciuta  tanto in questi anni altalenanti… Oltre gli auguri per questo nuovo anno di cammino vi invito ad essere sempre uniti anche nei periodi più bui e a chiarirvi in tutti i momenti in cui siete in discordia con un vostro fratello, senza portare dentro di voi rancore perché solo così potrete crescere sempre più ed insieme…perché insieme è più bello…

Fratelli miei…con la gioia nel cuore per tutto,  grazie, grazie, grazie ad ognuno di voi!

Per ogni cosa c’è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo. C’è un tempo per nascere e un tempo per morire, un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante.
Un tempo per uccidere e un tempo per guarire, un tempo per demolire e un tempo per costruire. Un tempo per piangere e un tempo per ridere, un tempo per gemere e un tempo per ballare.
Un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli, un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci. Un tempo per cercare e un tempo per perdere, un tempo per serbare e un tempo per buttar via.
Un tempo per stracciare e un tempo per cucire, un tempo per tacere e un tempo per parlare.
Un tempo per amare e un tempo per odiare, un tempo per la guerra e un tempo per la pace.Fratelli miei siamo fatti di carne e di sangue e volere di uomo ma a noi Dio ha rivelato grandi cose non dimentichiamolo mai! C’è un tempo per ogni cosa, lodate sempre Dio in perfetta letizia.

Il mandato per questo nuovo anno di cammino sono state della penne con inciso la denominazione della Gioventù francescana, penne nelle mani sempre nuove della fraternità, penne che sapranno scrivere dritto tra le righe storte, proprio come è stato e a volte sarà per ognuno di noi, perché Lui ci prende per mano e ci aiuta ad andare lontano ,sorreggendoci e non facendoci mai sentire soli…

La commissione comunicazioni sociali