Solenne tredicina in preparazione alla festa di sant’Antonio 31 Maggio – 12 Giugno

Predicatore: P. Vincenzo Ippolito OFM
Celebrazioni Feriali
Ore 5.45: Santo Rosario
Ore 6.15: S.Messa con omelia, recita della tredicina e canto del Si quaeris
Ore 8.00: S.Messa e recita della tredicina breve
Ore 9.00: S.Messa e recita della tredicina breve
Ore 18.30: Santo Rosario
Ore 19.00: S.Messa con omelia, recita della tredicina e canto del Si quaeris

Celebrazioni Domenicali
Ore 6.15: S.Messa con omelia, recita della tredicina e canto del Si quaeris
Ore 10.00: Santa Messa
Ore 12.00: Santa Messa
Ore 18.30: Santo Rosario
Ore 19.00: S.Messa con omelia, recita della tredicina e canto del Si quaeris

Celebrazioni Particolari
31 Maggio: Al termine della S.Messa delle 19.00: processione alla grotta della Madonna in piazza S.Antonio dove, con i fedeli della Chiesa del Corpo di Cristo, reciteremo la preghiera alla vergine Maria a chiusura del mese di Maggio.

3-4 Giugno: Nella Chiesa del Corsan-antonio-padovapo di Cristo: Adorazione Eucaristica 24 ore.

4 Giugno: Al termine della S.Messa delle 19.00: affidamento dei diversamente abili a S.Antonio.

6 Giugno: La S.Messa delle 19.00 sarà celebrata da S.E. Mons. Francesco Alfano, Arcivescovo della Diocesi di Castellammare–Sorrento.

7 Giugno: Solennità del Corpus Domini
Ore 19.30: Nella Chiesa del Corpo di Cristo: Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Mons. Giuseppe Giudice, Vescovo della nostra Diocesi.
Ore 20.30: Processione cittadina del Corpus Domini.

11 Giugno: PROCESSIONE di S.Antonio per le vie della Città ore 16.30
Al termine della processione: Celebrazione della S.Messa in Piazza S.Antonio

12 Giugno
La S.Messa delle 19.00 sarà presieduta da S.E. Mons. G. Giudice, Vescovo della nostra Diocesi.

13 Giugno FESTA DI SANT’ANTONIO
Sante messe ore 6.00 – 7.00 – 8.00 – 9.00 -10.00 – 11.00 – 12.00 – 17.30 – 19.00
Al termine della S.Messa delle 19.00: affidamento dei bambini a S.Antonio

12-13-14 Giugno SAGRA DI BENEFICENZA “PER UN PANE AI FRATELLI LONTANI”

Processione di S.Antonio

Oggi pomeriggio alle ore 16.30 ci sarà la Processione di Sant’Antonio che seguirà il consueto itinerario. Al rientro presso il Convento di Sant’Antonio, vivremo la Celebrazione Eucaristica in Piazza Sant’Antonio.
“E’ un impegno che non riguarda solo alcuni cristiani: tutti i fedeli di qualsiasi stato o grado sono chiamati alla pienezza della vita cristiana e alla perfezione della carità” (Dalla lettera apostolico Novo Millennio ineunte di Giovanni Paolo II)10373970_716742035054944_5549545168352585526_n

9° Sagra di Sant’Antonio

Ritorna anche quest’anno la sagra di Sant’Antonio, arrivata ormai alla nona edizione. 12-13-14 giugno sono le date che vedranno la famiglia francescana del Convento di Sant’Antonio impegnata nella splendida cornice del giardino del Convento. Sono quelle, infatti, le sere durante le quali si svolgerà la sagra il cui ricavato è interamente devoluto in beneficenza, in particolare una parte per le opere locali, e una parte per le missioni nelle Filippine che i Frati Minori Conventuali della prov. napoletana curano da molti anni.

Le serate saranno allietate da tanta buona musica:

  • il 12/06 ci sarà lo show CIVALE MUSIC di Mimmo Cicale,
  • il 13/06 i ‘Villa Nova’,
  • il 14/06 direttamente da Napoli, i ‘WhYou’.

Come sempre potrete degustare del cibo ottimo, specialità locali, e ormai consueto è il primo piatto a sorpresa! L’ingrediente principale che rende speciale questa sagra è l’amore: l’amore con il quale i frati aprono le porte del Convento, l’amore con il quale i terziari francescani curano i minimi dettagli della cucina e ogni aspetto organizzativo, l’amore con il quale i giovani francescani si impegnano nella pulizia del giardino e nel semplice volantinaggio; insomma un mix perfetto per delle serate di gioia infinita. Vi aspettiamo i prossimi 12-13-14/06 presso il Convento di Sant’Antonio sito in Nocera Inferiore, p.zza S.Antonio, 13.

La famiglia francescana.

11289051_901141079948371_4358393772515035349_o(1)

Manifestazione “NO Gori day”

“Chi non si impegna a migliorare le cose

esercita il più grande atto di vandalismo”

(Anonimo)

E noi vogliamo impegnarci nel nostro piccolo a migliorarle?
Con questo interrogativo vogliamo diffondere a quante più persone possibili un evento a noi molto caro:
domani 17 gennaio ci sarà a Napoli un’importante manifestazione per dire NO alla privatizzazione dell’acqua. Come sapete, in Italia, nonostante la forte vittoria al Referendum, i servizi idrici per la maggior parte sono gestiti da enti privati. Così anche in Campania. E in particolare nel nostro ambito territoriale che comprende tutto l’Agro Nocerino Sarnese, i Paesi Vesuviani e la Penisola Sorrentina, i servizi idrici sono gestiti dall’ente privato Gori Spa. La manifestazione di sabato mattina 17 Gennaio a Napoli è una manifestazione ESCLUSIVAMENTE per dire NO alla privatizzazione dell’acqua nei nostri territori, quindi per liquidare la Gori Spa, e ritornare ad una gestione pubblica dell’acqua nel nostro ambito territoriale.
E’ la prima manifestazione che vedrà scendere in campo i cittadini al fianco anche dei sindaci che hanno sposato la questione.

La manifestazione si pone i seguenti obiettivi:
– La diminuzione delle tariffe delle bollette e l’annullamento delle partite pregresse
– Sospensione totale dei distacchi dell’acqua
–  La fine del Commissariamento Straordinario e la restituzione dei poteri relativi al Servizio Idrico ai sindaci delle Comunità del Comprensorio ATO3 Sarnese-Vesuviano.
– La Liquidazione della GORI SpA e la costituzione di una Azienda speciale Pubblica a partire dalla proposta posta in essere dalla Rete dei Sindaci e dai Comitati Civici.
– Il rigetto della proposta di legge di riordino del Servizio Idrico presentata dall’Assessore Regionale all’ambiente e in discussione presso la Commissione preposta della Regione Campania che accentra il potere decisionale in poche mani ed espropria definitivamente i Sindaci e le Comunità Locali delle loro legittime funzioni di gestione e controllo dello stesso Servizio Idrico.

Noi, famiglia francescana, custodiamo in modo molto caro questo tema. L’Acqua è per noi um17-GENNAIO---Volantino-A4_Pagina_1-WEBile, preziosa e casta; è un bene comune essenziale per una vita dignitosa. Parteciperemo, quindi, alla manifestazione di domani e chiediamo a tutti i cittadini e soprattutto alle persone che hanno a cuore una prospettiva di futuro solidale ed ecologico di sostenere e aderire alla manifestazione indetta. La mobilitazione per la riappropriazione pubblica della gestione dell’Acqua rappresenta un primo passo verso una Democrazia dei Beni Comuni, Ecologica, Trasparente, Solidale, Democratica e Partecipata!

NB: Ci sono vari pullman che i comuni e/o Comitati cittadini stanno mettendo a disposizione per i cittadini. L’elenco ad oggi è il seguente:
Lettere – per info rivolgersi al Comune
Castellamare – per info rivolgersi al Comitato Acqua Pubblica presso Chiesa della Starza il lunedì, mercoledì e venerdì ore 19
Castel San Giorgio – per info 3356231839
Striano – per info rivolgersi al Comune
Bracigliano – per info rivolgersi al Comune
Mercato Sa Severino – per info rivolgersi al Comune
Nocera Superiore – per info rivolgersi al Comune o al Forum delle Associazioni di Nocera Superiore
Casalnuovo – per info 3206816068 e 3291313401
Pagani – per info rivolgersi al Comune
Angri – per info 0815168276
Sant’Egidio – per info rivolgersi al Comune
Roccapiemonte – per info rivolgersi al Comune
Sarno – per info rivolgersi al Comune
Nocera Inferiore – per info rivolgersi presso la Bottega Tutta N’ata Storia in Via Bosco Lucarelli, n° 35 oppure al numero 3479925577

Cosa aspetti? Vieni anche tu!!

Convengo sull’inquinamento dell’Agro e gli effetti sulla salute

Laudato si mi Signore

per sora nostra madre Terra,

la quale ne sustenta et governa,

et produce diversi fructi con coloriti flori et herba…

E’ con convegno 3questo versetto tratto dal Cantico delle Creature che vogliamo introdurvi un evento che la settimana scorsa si è tenuto nel nostro Convento: il Comitato No Vasche No Inquinamento Si alla messa in sicurezza del Fiume Sarno in collaborazione con l’Ordine Francescano Secolare del Convento di S.Antonio ha organizzato un convegno sull’inquinamento dell’Agro e gli effetti sulla salute, tenutosi lo scorso venerdì 24 Ottobre.

Il Convegno si è aperto con il saluto di P.Michele, superiore del Convento che ha ospitato l’evento; P.Michele si è mostrato orgoglioso per il tema affrontato, e speranzoso affinchè qualcosa possa, da questi piccoli incontri, cominciare a cambiare.

convegno2Durante la serata ci sono stati vari interventi rilevanti, tra cui: il prof. Benedetto De Vivo che ha illustrato un suo lavoro di geo-mappatura dei siti inquinati dal quale emergeva che molti elementi che si ritengono inquinanti sono “parte della Natura” e che spesso, l’allarmismo fatto sulla contaminazione del coltivato è infondato; posizione in netto contrasto con quanto ci ha poi esposto il prof. Rocco De Prisco parlando della differente capacità di assorbimento di molte piantagioni, in particolare quelle con produzione di frutto dove l’inquinante si fermerebbe nelle foglie, svolgendo così anche un’ azione filtrante, tant’è che ha portato ad esempio uno studio da lui svolto al CNR sui pomodori coltivati su terreni inquinati e non. Interviene, poi, anche il neo-presidente della provincia di Salerno, dott. Canfora che, nel suo intervento cita la Cina e l’inquinamento avutosi in seguito alle scorse Olimpiadi. Dopo di lui, interviene anche il sindaco di Nocera, avv. Manlio Torquato, che parla di difesa del suolo e della salute e sottolinea che difende la tesi del Comitato NO VASCHE: secondo lui non si può parlare nemmeno di cementificare le vasche perchè così si sottrarrebbe per sempre del terreno alla città. Di seguito interviene il dott. Luigi Montano, il quale si concentra sull’incrementconvegno1o dell’inquinamento che c’è stato negli anni sulla Terra. Interviene successivamente il prof. De Prisco che espone una carrellata di documenti, molti tratti da studi stranieri, che fanno evincere quanto sia preoccupante l’inquinamento che gravita intorno all’Agro. Chiude il nostro confratello, terziario francescano, Emiddio Ventre che lancia l’allarme per la presenza di tetracloroetilene in un pozzo a Castel san Giorgio, cosa che potrebbe significare l’inquinamento delle falde dall’area di Solofra / Montoro, dove ultimamente si è verificata la chiusura di approvvigionamento d’acqua potabile proprio per tale inquinamento.

Da francescani ci sentiamo i primi responsabili del forte inquinamento della nostra Terra: si può fare di più, si deve fare di più! L’impegno è quello di dare testimonianza, partendo dalla nostra quotidianità, di un mondo nuovo, di un nuovo modo di affrontare la vita nel rispetto dell’altro e nel rispetto della Natura.

L’Ordine Francescano Secolare

Pellegrinaggio a Ravello

 SAM_1266Si è tenuto ieri nella bella cornice della città di Ravello il pellegrinaggio della Comunità francescana del Convento di S.Antonio. Proprio ieri perché cadeva la festività del Beato Bonaventura da Potenza, morto a Ravello nel 1711 e dichiarato Beato nel 1775 da Papa Pio VI, e il cui corpo è custodito sotto l’altare maggiore della Chiesa di San Francesco. Proprio in questa chiesa siamo stati ospitati: ci ha accolti Padre Francesco, superiore del Convento e come primo momento abbiamo vissuto insieme la preghiera delle lodi; subito dopo l’Ordine Francescano secolare, guidati da P.Michele, ha vissuto un momeSAM_1211nto di formazione e riflessione in vista del Capitolo Elettivo, e la Gioventù Francescana, invece, una mattinata di fraternità alla riscoperta del francescanesimo della città di Ravello.Il momento di formazione che la fraternità OFS ha tenuto è stato incentrato sull’obbedienza, prendendo come primo esempio il Beato Bonaventura che con la sua vita ha incarnato l’obbedienza tanto cara anche al poverello d’Assisi.

 Ci siamo poiSAM_1262 riuniti tutti insieme per il momento della Celebrazione Eucaristica alle ore12, orario in cui anche i fratelli che sono rimasti a Nocera hanno vissuto la Celebrazione Eucaristica: eravamo quindi uniti nella preghiera! A seguire abbiamo vissuto il pranzo insieme condividendo il cibo con gli altri fratelli.

Il pomeriggio, guidati da P.Michele, abbiamo visitato il Monastero delle Clarisse di Ravello, ubicato a pochi metri di distanza dal Convento dove eravamo: lì siamo stati accolti dalla Madre Badessa che ci ha portato la sua testimonianza di vita al servizio del Signore e dei fratelli. Le sue parole ci hanno toccato l’animo, ci ha donato tanta forza per servire il mondo:

“Quando le persone estranee guardano noi, claustrali, o guardano i fratelli del primo ordine, si aspettano sempre una parola di novità, una testimonianza di verità! Ecco quando le persone estranee guardano voi fratelli del terzo ordine e della Gioventù Francescana, anche in voi devono rispecchiare la novità e la verità del Signore. Noi francescani, in questo tempo più che mai, stiamo rivivendo il tempo di San Francesco; questo periodo è un tempo di crisi soprattutto dei valori! Noi dobbiamo essere capaci di portare un cambiamento. Io e le mie sorelle nel giorno del Signore, in cui interrompiamo il silenzio che durante la settimana tra di noi custodiamo, proprio questa domanda ci poniamo: come noi claustrali possiamo essere portatrici di cambiamento e di speranza nel mondo di oggi? Ecco cerchiamo di porci tutti questa domanda. Assicurandoci preghiera reciproca troveremo la risposta!”

 

A seguire sSAM_1351iamo stati a visitare la città di Ravello, che tanto ha da insegnarci perché è tanto impregnata di francescanesimo. La giornata si è conclusa con un momento di gioia tra canti e balli alla fine dei quali siamo rientratia casa.

 Angela Di Lauro

 

 

Beato Bonaventura – Chiesa di San Francesco a Ravello

Ieri, 26 Ottobre, nel calendario dei santi e beati francescani, si ricordava il Beato Bonaventura da Potenza, il cui corpo è custodito38___Convento_S._Francesco presso la Chiesa di San Francesco in un’urna ai piedi dell’altare. La Chiesa di San Francesco è parte integrante del “Complesso Monumentale San Francesco”. Fu edificata nel sec. XIII su una preesistente chiesetta e dedicata a San Giovanni Battista. Detta chiesetta si ritrova menzionata in una pergamena del 24 gennaio 1177, concernente la locazione enfiteutica di un vigneto, sito a Tramonti, nel casale Corsano, appartenente alla medesima chiesa che, in quell’anno, era retta dall’abate don Giovanni Rufolo, in seguito vescovo di Ravello.

Il complesso monumentale San Francesco consta di:Complesso09 illuminato
– un chiostro in origine in stile gotico, poi rimaneggiato in stile barocco. Esso è avvolto da solare luminosità e tacita francescana armonia.
– una biblioteca che come patrimonio bibliografico custodisce fondi antichi e moderni: manoscritti, cinquecentine, alcune delle quali rare, e preziosi corali. La sua consistenza è in continuo incremento; attualmente consta di circa quarantamila volumi.
– ampi spazi per ospitare gruppi per ritiri spirituali.

Come citato sopra, nella chiesa conventuale annessa al convento sono custodite le spoglie di una grande figura francescana, il Beato Bonaventura da Potenza, morto a Ravello nel 1711. Questo Santo operò intensamente sul territorio della costiera amalfitana: nacque a Potenza come Antonio Carlo Gerardo Lavanga nel 1651, entrò tra i Minori conventuali a 15 anni. Girò per tanti conventi campani: Aversa, Maddaloni, Amalfi, Ischia, Nocera Inferiore (vi fu maestro dei novizi), Sorrento, Napoli e, infine, Ravello, dove morì per una cancrena. Fu esempio di umiltà. Ma, pur non essendo dotto, colpiva anche per la profondità teologica della sua predicazione. A lui sono attribuiti numerosi prodigi. Vide l’anima della sorella salire in cielo, guarì un lebbroso. A Napoli, nel convento di Sant’Antonio a Porta Medina, il suo misticismo si manifestò con numerose elevazioni da terra. Si prodigò anche per gli appestati. È beato dal 1775.

beato

ASSEMBLEA PUBBLICA DELL’ACQUA

Accorriamo tutti il 29 Aprile per difendere nostra sorella acqua “umile” e “casta”, fonte preziosa per tutte le creature!

Festa di Carnevale 3 Marzo 2014

Il 3 Marzo presso il Convento di Sant’Antonio si è tenuta la consueta festa di carnevale per grandi e piccini dove tanto amore e tanta allegria ha dominato la serata!!!! Protagonisti in assoluto i piccolini. 993028_662987717097043_639763381_n

PRESIDIO – ASSEMBLEA dei Comitati Campani per l’acqua pubblica

Lo scorso 27/02/2014 i comitati campani per l’acqua pubblica si sono riuniti davanti al palazzo della regione per manifestare contro il  disegno di legge  regionale del 2013 con il quale si riapre alla gestione privata dell’acqua. Noi francescani eravamo lì, per sottolineare che l’acqua non è una merce, San Francesco ce lo ricorda nel Cantico delle Creature: